mercoledì 17 dicembre 2014

Perugia

Perugia





"Forse farò un favore al lettore dicendogli come dovrà trascorrere una settimana a Perugia. La sua prima cura sarà di non aver fretta, di camminare dappertutto molto lentamente e senza meta e di osservare tutto quello che i suoi occhi incontreranno"
(Henry James, Transatlantic Sketches, 1875)




Sarà che dell’Umbria è davvero difficile non innamorarsi, sarà che il gusto del Bello è qualcosa che appartiene ad ogni italiano, sarà la buona cucina, il fervore culturale e l’energia che ne deriva e che semplicemente “si sente”, sarà che siamo golosi ed adoriamo il cioccolato…ma Perugia ci piace talmente tanto che ci potremmo trasferire!!! Non avendo però ancora ultimato i preparativi del trasloco, ci dedichiamo a darvi qualche informazione, curiosità, consiglio per aiutarvi a trascorrere il vostro weekend romantico in questa splendida città che non potrete non amare.


Città d'arte, ricca di storia e monumenti, cuore pulsante della verde Umbria, Perugia era tra le città candidate a Capitale Europea della Cultura per il 2019. La sua antica Università, il suo patrimonio storico ed artistico, la sua attenzione alla Cultura, nel senso più largo e variegato del termine, e l’organizzazione di eventi di fama internazionale come Umbria Jazz, che qui si svolge ogni anno dal 1973 nel mese di Luglio, o  Eurochocolate, che quest’anno ad ottobre festeggia la sua ventesima edizione, la rendono una candidata ideale a questo ambito riconoscimento. 

Perugia è infatti una città antica, fiera della sua storia e del suo passato che custodisce e valorizza esibendolo con orgoglio, ma estremamente vivace e per così dire, orientata al futuro, in un mix di tradizione e modernità davvero irresistibile.
Seguite pertanto il consiglio di Henry James e camminate piano scoprendo a poco a poco le meraviglie che il centro storico vi riserva.



Interno della Rocca Paolina

Essendo posizionato su una acropoli nel punto più alto della città e chiuso al traffico vi consigliamo di lasciare l’auto in uno dei parcheggi sottostanti, ad esempio quello in Piazza dei Partigiani. Da qui potrete prendere la scala mobile che, gratuitamente e senza sforzo, vi condurrà attraverso le viscere dell’antica Rocca Paolina, simbolo del potere che il papato esercitava su questo territorio ma oggi meno imponente rispetto alla dimensione originaria dell’edificio, fino in Piazza Italia, cuore della città medievale e punto di partenza privilegiato per iniziare la vostra visita. 
Da questa piazza potrete iniziare a camminare ed a gustare a poco a poco questa città, fatta di reticoli di vie strette e tortuose, dove le case si addossano tra loro o si uniscono tramite archi, palazzi antichi ricoperti di bugnature e piazze salotto. Giocando a scoprire scorci, giardini, palazzi e teatri sarà bello allontanarsi a tratti dalla rotta più turistica per poi riprenderla per immergersi nuovamente nella sua atmosfera.
Su Piazza Italia si affacciano edifici degni di nota, come l’Hotel La Rosetta ricavato in un palazzo dell’Ottocento che costituisce un’elegante e raffinata possibilità per la vostra notte romantica, il Palazzo della Provincia e, dietro di esso, il giardino-belvedere Carducci dalla cui terrazza si gode di uno splendido panorama sulla città e sulla Valle Umbra fino allo specchio del Lago Trasimeno.


Proseguendo verso Piazza della Repubblica, su cui si affacciano Palazzo Baldeschi, sede di importanti mostre d’arte, e il Teatro del Pavone, raggiungerete poi Corso Vannucci, arteria pulsante e via commerciale del centro storico, dove ad ogni ora del giorno sarete coinvolti nel rito perugino dello struscio. Una sosta praticamente obbligatoria è quella presso la storica Pasticceria Sandri, la più antica di Perugia, aperta nel 1860 da una famiglia svizzera. Qui potrete lasciarvi incantare dall’eleganza dei suoi sontuosi arredi ottocenteschi e dalle specialità che potrete gustare, dai tradizionali dolci umbri ai deliziosi cioccolatini. Se invece quella che cercate è una sosta golosa ma “non solo dolce” potete imboccare la vicina via Mazzini e fermarvi al Caffè di Perugia che ospita nei suoi quattro piani, oltre alla pasticceria, una enoteca ed un ristorante.


Piazza IV Novembre 

 

Alla fine di Corso Vannucci raggiungerete la magnifica Piazza IV Novembre, cuore simbolo e salotto della città e luogo molto amato dai perugini. Attorno e dentro a questa piazza dall’aspetto misurato ed elegante sono concentrati i monumenti ed i palazzi più rinomati e ricchi di storia di tutta la città, come la splendida Fontana Maggiore, capolavoro di arte ed ingegneria idraulica. La struttura, costituita da tre vasche sovrapposte in marmo e bronzo e decorate con bassorilievi che raffigurano episodi esemplari della storia della città, è infatti stata eretta come parte terminale dell’acquedotto, che dalle sorgenti di Monte Pacciano convogliava le acque sino al centro della città. 

Provenendo da via Vannucci raggiungerete la piazza fiancheggiando l’imponente Palazzo dei Priori che, con le sue severe forme gotiche, le sue facciate asimmetriche ed adorne di bifore, rappresenta una tra le migliori espressioni architettoniche della civiltà medievale italiana. L’edificio era la sede delle funzioni amministrative e giudiziarie della città e oggi ospita il Comune e la Galleria Nazionale dell’Umbria. Il lato che si affaccia su Piazza IV Novembre, è preceduto da una scalinata che conduce al grande portale sormontato dalle copie bronzee delle statue del Grifo, simbolo di Perugia, e del Leone Guelfo (gli originali sono conservati all’interno del palazzo). Dalla scalinata si accede alla Sala dei Notari, con i suoi archi  a tutto sesto e le ricchissime decorazioni di cui è adorna.


Il Palazzo dei Priori

Dal lato opposto di via Vannucci rispetto al Palazzo dei Priori si accede al Collegio della Mercanzia, che nel 1390 fu concesso dal Comune di Perugia alla Corporazione dei Mercanti, ed al Collegio del Cambio, che fu appunto la sede dei cambiavalute.
Un ulteriore gioiello che adorna Piazza IV Novembre è il Duomo. Intitolato a San Lorenzo fu edificato tra il 1437 ed il 1487 sul sito di una precedente basilica. L’austera facciata principale, incompiuta, è rivolta verso Piazza Danti, è rivestita in pietra rosa locale, e spicca per il massiccio portale in travertino. Su piazza IV Novembre si affacciano invece gli archi della Loggia di Braccio Fortebracci del 1423 ed il portale gotico. Sulla destra del portale si trova il quattrocentesco pulpito da cui predicò San Bernardino e, sulla sinistra, la statua bronzea di papa Giulio III. All’interno della cattedrale, costituita da tre navate di stampo gotico, nella prima arcata della navata di sinistra, viene custodito nella Cappella del santo Anello, l’anello nuziale della Madonna.




Quello che vi abbiamo proposto è il percorso turistico più classico e chiaramente andrebbe esteso ed approfondito per conoscere in pieno l’anima di Perugia ed i grandi tesori che custodisce. Un modo per completare questa visita potrebbe essere quello di partire dalle porte principali che ne delimitano il perimetro. La città di Perugia ha infatti una doppia cinta muraria, una etrusca, la più interna, ed una, più esterna, medievale, che si snodano lungo le pendici del colle su cui sorge la città antica. Effettuare un ingresso da una di queste porte, benché più impegnativo da un punto di vista fisico, sarà un modo per ammirare “da dentro” i cinque antichi rioni che costituiscono il centro storico di questa città e riconoscerne le particolarità.
Potreste quindi partire da Porta Eburnea, o Arco della Mandorla, di fondazione etrusca,in piazza Mariotti, da Porta Santa Susanna o di Sant’Andrea, di epoca tardo medievale, in via della Sposa, da Porta del Sole, di epoca etrusca, nota come Arco dei Gigli e citata anche da Dante nel Paradiso, in via Bontempi, da Porta San Pietro o Romana, rifatta nella sua parte esterna nel 1475, in Corso Cavour, oppure da Porta Sant’Angelo, in Corso Garibaldi, la più grande delle porte medievali di Perugia, rifatta nel XIII secolo per volere di Braccio Fortebracci, per poi raggiungere nuovamente Piazza IV Novembre.


Arco Etrusco

Cari amici, fino ad ora vi abbiamo fatto camminare parecchio, ma non saremmo Romantico Weekend se non vi suggerissimo anche un luogo dove potervi fermare per guardarvi romanticamente negli occhi, magari davanti ad un ottimo vino e ad una cena prelibata. 

Le nostre proposte, rigorosamente testate per voi, si trovano nel centro storico della città in modo che possiate comodamente raggiungerli a piedi e sono il Civico25, in via della Viola, che, all’interno di un ambiente giovane e informale oltre alle meraviglie della cucina tipica umbra offre una vasta e ottima selezione di etichette di vini. La nostra seconda proposta è il ristorante Nadir, aperto solo la sera, che offre le eccellenze del territorio attraverso un’attenta selezione dei produttori, rigorosamente locali, per una cucina etica, gustosa, a chilometro zero. In entrambe i casi vi consigliamo di prenotare in anticipo perché i locali che vi abbiamo consigliato sono entrambe rinomati e molto frequentati anche dai perugini stessi.


Link utili a questo articolo:
Umbria jazz Festival
Eurochocolate
Hotel La Rosetta
Pasticceria Sandri
Caffè di Perugia
Ristorante Civico25
Ristorante Nadir


Se quanto ti abbiamo raccontato ti è piaciuto e ti è stato utile, o ti ha semplicemente fatto venire voglia di trascorrere qualche giorno alla scoperta di Perugia, condividi il nostro articolo attraverso i social, per noi è importante. 

Se sei interessato a scoprire l'Umbria e i suoi tesori potrebbe interessarti anche il nostro articolo sul Lago Trasimeno 
Se invece sei curioso di conoscere meglio la città che sarà Capitale Europea della Cultura nel 2019 vieni con noi alla scoperta di Matera


Condividi!

Come nasce questo blog!

Romantico Weekend nasce a luglio 2014 come progetto editoriale social di cinque professionisti iscritti al Master in Marketing e Comunicazione Digitale de Il Sole 24 Ore . Claudia Gallini, Edoardo Bellio, Luca Busetto, Maneula Spoto e Valentina De Giorgi sono le firme di questo blog dedicato a tutti coloro che amano viaggiare e conoscere le bellezze dell’Italia in chiave romantica.